Imprenditrice digitale: il caso di Chiara Ferragni

L’inizio del successo è arrivato con il blog The Blonde Salad.

Il blog aperto il 12 ottobre 2009, con l’aiuto del fidanzato dell’epoca Riccardo Pozzoli; dove hanno investito il loro il primo capitale, di soli 510 euro, per comprare una macchina fotografica e il dominio Internet.

Dopo solo un anno dalla nascita di The Blonde Salad, Chiara Ferragni viene invitata come ospite agli MTW Trl Awards dove presenta tra le cose la sua linea inedita di scarpe.Imprenditrice digitale

Nel 2011, Vogue, la segnala come la blogger of the moment: ha più di 1 milione di visite sul blog e più di 12 milioni di pagine visitate al mese.

Nel 2013 esce il libro The Blonde Salad. Consigli di stile dalla fashion blogger più seguita del web e il suo il blog raggiunge 1,6 milioni di followers su Instagram. Sempre nello stesso anno  ha dato inizio a Chiara Ferragni Collection, un brand di abbigliamento e calzature. Imprenditrice digitale

Nel 2014, gli outfit indossati da Chiara solo su Instagram. Questo cambiamento adottato ha avuto un notevole impatto positivo sul fatturato e  viene premiata per il terzo anno consecutivo con il Bloglovin’ Award dalla piattaforma americana di aggregazione dei feeds in ambito lifestyle.

 Harvard Business Schoo, nel 2015,le ha dedicato un Case Study alla sua carriera e nel 2017 ha ripetuto gli studi includendo i progressi di The Blonde Salad e Chiara Ferragni Collection. Anche Forbes nel 2015 l’ha inserita nella lista delle 30 personalità sotto i 30 anni nella categoria “Art & Style” per la rivoluzione che ha portato nel campo della Moda e della Comunicazione.
Nel 2016, c’è stata la  trasformazione da  TheBlondeSalad.com da blog personale a sito editoriale e e-commerce;  sempre nello stesso anno, ha anche allargato la cerchia dei suoi talent includendo Valentina Ferragni e Francesca Ferragni, le sue sorelle, Marina Di Guardo, la madre e Manuele Mameli, suo glam artist.

Nell’Ottobre 2017, Chiara è diventata Presidente e Amministratore Delegato della sua azienda TBS CREW Srl; l’anno successivo Amministratore Delegato di Chiara Ferragni Collection.

Nel 2018 Forbes ha nominato l’imprenditrice digitale la più potente fashion influencer al mondo e Instagram stesso ha dichiarato che il suo profilo Instagram è al secondo posto per engagement delle Instagram Stories.
Nel 2019, Chiara, insieme al suo glam artist, Manuele Mameli, ha creato “Beauty Bites masterclass”, un’esperienza on stage di lezioni di trucco, autostima e positività con una live audience di oltre 1400 persone.
Nello stesso anno Chiara e Manuele Mameli, hanno ricevuto il Glamour Award come “Best Beauty Masterclass of the Year”.
Imprenditrice digitale
Nel Settembre 2019 alla 76esima edizione del Festival del Cinema di Venezia è stato presentato “Chiara Ferragni Unposted”; il documentario sul percorso professionale  e su come Internet e i social media abbiano trasformato il mondo della moda.

Il film è stato distrubuito al cinema come “film-evento” e ha raggiunto il record di incassi e di presenze nella storia del cinema italiano; oltre 160 mila persone erano in sala per le proiezioni e ha incassato 1 601 499 euro nel corso dei tre giorni di programmazione.

Il docu-film è disponibile sulla piattaforma streaming Amazon Prime, disponibile in oltre 200 paesi.
Senza dimenticarci che è stata inserita dal Financial Times tra i protagonisti femminili del lusso digitale;  la Mattel, casa produttrice di giocattoli, ha dedicato alla blogger una Barbie con le sue sembianze. Ma anche  che la Evian ha lanciato sul mercato la linea luxury esclusiva di acqua Ferragni, con il packaging personalizzato dalla fashion blogger, in vendita a 8 euro a bottiglia

Oggi la sua azienda  fattura 22 milioni di euro l’anno con oltre 25 dipendenti. Chiara Ferragni la prima donna ad essere imprenditrice digitale.

Translate »